top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreMats

1984

Un mondo distopico, tre superpotenze in guerra fra loro, un’illusione e un uomo che piano piano si accorge della realtà che lo circonda. Questo, signori, è 1984.

Foto di @ego_lector_


È un classico della letteratura, ma che spesso si legge con troppa superficialità, come se fosse un futuro distante e impossibile da raggiungere, frutto solo dello squallore e delle paranoie novecentesche, come se, dopotutto, sia solo un romanzo distopico e crudo, nulla di più. Eppure, mi chiedo se davvero sia così o se, forse, siamo anche noi immersi in una splendida illusione.

Il romanzo è ambientato nel 1984 ed il protagonista, Winston Smith, non è un eroe, non un paladino della giustizia, ma è un uomo comune. Vive in Oceania, la cui capitale è Londra, governata dal Grande Fratello, che tutto vede e tutto sa. I suoi occhi sono le telecamere che spiano di continuo nelle case, il suo braccio la psicopolizia che interviene al minimo sospetto. Tutto è permesso, non c'è legge scritta. Niente, apparentemente, è proibito. Tranne vivere, se non secondo i dettami del Grande Fratello.

Winston è un impiegato del Partito Esterno che lavora presso gli uffici del Ministero della Verità, incaricato di "correggere" i libri e gli articoli di giornale già pubblicati, modificandoli in modo da rendere riscontrabili e veritiere le previsioni fatte dal Partito. Egli, inoltre, si occupa di modificare la storia scritta, contribuendo così ad alimentare la fama di infallibilità del Partito stesso: “Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato” recita uno degli slogan del partito. Apparentemente Winston è un cittadino malleabile; in realtà mal sopporta i condizionamenti del regime e non riesce ad adeguare la propria mente al pensiero del regime, tanto che comincia a scrivere su un diario i propri sentimenti di malcontento nei confronti dell’autorità.

La sua vita cambia quando un giorno, durante una manifestazione di odio, incontra Julia, una ventiseienne che si adatta al Partito Esterno solo per convenienza. Dopo qualche difficoltà, Winston s'innamora di Julia nonostante sappia bene che il regime non ammetta relazioni che abbiano scopo diverso dalla procreazione. Winston e Julia decidono di opporsi e lottare disperatamente per conservare un granello di umanità, pronti a morire pur di poter assaporare per qualche secondo la libertà.

Con questo libro Orwell proponeva originariamente una riflessione su Hitler e Stalin (infatti le descrizioni del Grande Fratello ricordano molto questi dittatori), ma suggerisce delle osservazioni sulla nostra società trattando di argomenti come l'omologazione di massa, l’ignoranza delle menti, l’odio verso il prossimo, le zone di comfort, il terrore come strumento di monopolizzazione, il Grande Fratello, la rinuncia alla privacy in nome della sicurezza e il lavaggio del cervello dei poteri forti. Non si può dire che non siano argomenti attuali, Orwell ci ha messo in guardia, sta a noi essere consapevoli e evitare la realizzazione di questo incubo.

 

1984

Autore George Orwell

Anno di pubblicazione: 1949

Età adatta: dai 14 anni in su

Lunghezza: media (326 pagine)

Casa editrice: Feltrinelli

109 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Cenere

Comments


bottom of page