Cerca
  • Margherita :-D

Due ragazzi alla scoperta della guerra

La guerra, il razzismo, l’amore perduto per un viaggio, tutto questo è racchiuso in uno strabiliante e ben lavorato film: Un sacchetto di biglie.


La guerra è una cosa veramente brutta che mi auguro e vi auguro di non vivere mai.

Se proprio avete una grande curiosità fatevela raccontare, ma non provate a giocarci e a scherzarci su, appena provate a farlo corro lì da voi e vi porto al cinema a vedere Un sacchetto di biglie, così sapete cosa significa veramente la vita in guerra.



È la storia di due fratelli ebrei che si separano dalla famiglia per intraprendere un lungo e faticoso viaggio, rischiando la morte più di una volta, ma alla fine… Lo scoprirete solo guardando.

Non sapevo ancora che non avrei più rivisto quel paesaggio così familiare. Non sapevo che tra qualche ora non sarei stato più un bambino.

Questo è un bellissimo film basato sul razzismo verso gli ebrei è lo scambio di un sacchetto di biglie per la stella di David.

Parliamo di cosa vi consiglio e cosa vi sconsiglio: se valutiamo sconsigliabili le parti in cui ho pianto sconsiglierei tutto il film, ma che faccio a fare una recensione di un film che non mi è piaciuto?

Se siete sensibili come me consiglio vivamente di vederlo con qualcuno o farete bruttissimi sogni la notte, ad esempio Io l’ho visto con la mia classe delle elementari l’anno scorso.

Lo consiglio a ragazze e ragazzi che voglio azione avventura, ma anche commozione e amore.

Un sacchetto di biglie

Regista: Christian Duguay

Anno di uscita: 2017

Età adatta: 13-15 anni (anche per adulti)

Lunghezza: medio (1 ore e 53 minuti)

Casa di distribuzione: Notorious Pictures

Disponibile su Netflix, TIMvision, Infinity, Google Play

75 visualizzazioni3 commenti

Qualcosa di noi

Dafne è un progetto di Sara, Marta, Margherita, Alma, Viola e Anna, che si impegnano ogni giorno per mandare avanti questo sito e la sua newsletter.

Leggi di più su di noi

Newsletter