Cerca
  • Mina Minouz

Una nebbia che soffoca anche la guerra

Aggiornamento: 9 feb

Il principe della nebbia. Un orologio che gira al contrario, un mistero senza tempo, un debito da saldare e un cielo scuro di nuvole, pioggia e bombardamenti. Un bestseller corto che si addentra in un enigma profondo come il mare e invisibile come la nebbia.

Siamo nel 1943.

La Seconda Guerra Mondiale vede ormai schierati tutti contro tutti e ben presto i suoi danni arrivano anche a proprietà e affetti dell’orologiaio Maximilian Carver, che decide di trasferire moglie e figli in una piccola cittadina sulla costa atlantica per sfuggire ai bombardamenti.

Il villaggio che accoglie i Carver mette fin da subito Max, il primogenito, in uno stato di angoscia mista a curiosità.

Solo lui, però, sembra accorgersi di ciò che non va.

Le lancette dell’orologio della stazione vanno all’indietro, come in un conto alla rovescia.

Un gatto dallo sguardo inquietante ed indagatore si infila in casa.

La casa stessa, isolata, ha alle spalle una storia triste e oscura: tanti anni prima il dottor Richard Fleishmann non sopravvisse dopo la morte del figlio, Jacob, annegato sulla spiaggia e la signora Eva Gray, moglie e madre, sparì nel nulla.

E poi c’è quello strano giardino vicino a casa, ornato di statue terrificanti: un circo dell’orrore con al centro un pagliaccio dal sorriso demoniaco.

Cosa rappresentano quelle statue?

Cosa si nasconde dietro la vicenda dei Fleishmann?

La morte di Jacob è collegata agli strani eventi che accadono sempre più frequentemente?

Max, con l’aiuto della sorella maggiore Alicia e di Roland, il nipote del guardiano del faro, scava in una storia che affonda le radici nel passato e che lo porta a esplorare giardini di statue che si muovono, cimiteri, navi fantasma fino a trovarsi faccia a faccia con l’inquietante Dottor Cain, il Principe della Nebbia, tornato dal mondo dei morti solo per riscuotere il pegno di una promessa fattagli 25 anni prima.

Quale promessa e quale pegno?

Sarà proprio il guardiano del faro, Victor Kray, che racconta ai ragazzi la storia terribile e funesta, partendo dall’inizio, cioè da quando lui e Richard si innamorarono di Eva e Richard si rivolse a Cain per chiedergli un “favore”…


Questo romanzo è un mistery in cui un clima di inquietudine avvolge il protagonista e il lettore. Si legge tutto d’un fiato e ci spinge a chiederci ad ogni pagina dove finisce la realtà e dove inizia l’immaginazione, dove il reale lascia posto al soprannaturale.

Le atmosfere che Zafón riesce a creare sono uniche e affascinano sempre di più man mano che si prosegue. Non è una lettura pesante, difatti ha solo 131 pagine, ad esempio lo si legge molto volentieri sotto all’ombrellone (come ho fatto io). D'estate, ovviamente.

Quindi lo consiglio a chi è appassionato di fantasy, ma in generale a tutti quelli che hanno momenti in cui non fanno assolutamente nulla e hanno voglia di una lettura breve ma intensa.


Il disegno che vedete nella foto è di @pizza_noodles_art

 

Il principe della nebbia

Autore: Carlos Ruiz Zafón

Data di pubblicazione: 6 febbraio 2017

Età adatta: dai 14 in sù

Lunghezza: media (131 pagine)

Casa editrice: Mondadori

133 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti