Cerca
  • Sara P. (≈_≈)

Dove vivono gli spiriti maligni

L'ultima vita del principe Alastor, una storia di mistero, paura e fantasia. Una lotta fino all'ultima... pagina.

C'è sempre un buon motivo per attraversare uno specchio e catapultarsi in un altro mondo, alla ricerca della propria gemella e di un po' di pace da portare nel mondo in cui si vive da più di 12 anni.

Non permetterò che tre secoli di stupidi litigi tra le nostre famiglie rovinino le nostre vite. È come ha detto Shakespeare: "Non è nelle stelle che è conservato il nostro destino, ma in noi stessi"

Prosperity Redding è un adolescente che vive in una simpatica e pacifica e noiosissima cittadina. Insomma, "simpatica e pacifica e noiosissima" ancora per poco. Infatti, a un certo punto, verrà invasa da un sacco di esseri ultraterreni come goblin, troll, spiriti maligni e bla bla bla bla. Ma andiamo con ordine...

La vita è una pagina bianca sulla quale noi scriviamo il nostro destino. Una vita vissuta seguendo la strada di qualcun altro non è una vera vita.

Prosper si ritrova con un'anima in più dentro al suo corpo: appartiene allo spirito maligno Alastor, crudele come pochi. Gli spiriti maligni vivono in Di Sotto, un mondo, appunto, che si trova sotto il nostro. I due luoghi sono collegati da specchi. Il problema? Sua sorella gemella Prudence (o meglio, Prue) è stata rapita dalla regina Pyra, regnante del mondo degli spiriti maligni, sorella di Alastor. Insieme a Nell, strega geniale, Flora, elfo coloratisismo, e Jeremiah, un fantasma dall'umorismo di ghiaccio ma simpatico, Prosper dovrà salvare Prue, la loro città, la loro famiglia e il mondo intero. Quando arrivano Di Sotto, però, il regno non è affatto come se lo ricordava Alastor: una forza invisibile, il Vuoto, sta divorando tutto. Come faranno, adesso? Attraverso un viaggio esilarante e catastrofico, i quattro (o cinque, contando anche Alastor) impareranno molto più di quanto possano immaginare. Prosper capirà che non tutto ciò che sembra giusto poi è giusto davvero, Nell che non conta qual è la tua famiglia, puoi essere migliore di loro, Flora che la vita non è tutta rose e fiori (letteralmente) e Jeremiah cos'è l'amicizia. Ah giusto, dimenticavo. Alastor imparerà finalmente il significato di affetto.


- Ecco una cosa che so, però:"Tutto il mondo è un palcoscenico, e gli uomini e le donne solamente gli attori". Tu devi credere in te stessa. - Non è quello che vuol dire Shakespeare con quella frase. Lui intende che siamo tutti parte del grande piano del Destino e che in realtà non abbiamo nessun controllo su di esso. - Be', è l'unica frase di Shakespeare che conosco, perciò fingi che ti serva da incoraggiamento per ricordarti che sei una strega, la strega della Casa dei Sette Terrori, e solo perché non c'è la luna, solo perché hai sbagliato, non significa che tu non sia potente.

Questo libro è una lotta che si svolgerà in ogni lettore. Davvero c'è un lato giusto? E se la medaglia avesse una terza faccia? È una storia di amicizia e di avventura. Cos'è davvero una cosa corretta? È giusto mettere la famiglia davanti a tutto? Ci sono dei paradossi che sono davvero difficili da scogliere, ma forse a volte è giusto fare qualche sacrificio. Ora vi potrà sembrare che stia sparando una cavolata dietro l'altra, ma spero che mi capirete meglio dopo aver letto questo libro bellissimo. Buona fortuna! E ricordate, non perdetevi nell'oscuro mondo degli spiriti maligni...

L'ultima vita del principe Alastor Autrice: Alexandra Bracken Anno di pubblicazione: 2019 Età: dai 12 ai 15 anni Lunghezza: medio (432 pagine) Casa di produzione: Piemme

24 visualizzazioni

Qualcosa di noi

Dafne è un progetto di Sara, Marta, Margherita, Alma, Viola e Anna, che si impegnano ogni giorno per mandare avanti questo sito e la sua newsletter.

Leggi di più su di noi

Newsletter