Cerca
  • Martona Patatona, 9 anni

La via nera

Scritto e illustrato da Marta


Nella via "Sosta" c'era una palestra di arrampicata. Ci andavo tre giorni alla settimana però ogni volta ero sempre più triste perché il mio maestro era malato e a sostituirlo c'era Fox, un allenatore più severo. Quel giorno dovevo fare la via nera; le tre gemelle l'avevano fatta cinque volte e quindi si vantavano un sacco.

- Nina tocca a te!, disse il maestro con impazienza.

Allora mi alzai e arrivai alle prese iniziali. Attaccai la corda e feci il nodo. Quando scalavamo la via nera ci faceva sicura il maestro, non so perché ma credo perché fosse molto pericolosa. Allora iniziai a salire velocemente fino a metà ma poi mi fermai e lentamente guardai giù. Mi vennero le vertigini e vidi tutti i compagni che mi guardavano come per dire "Ma adesso che cosa succede?". Aspettai qualche secondo e poi rivolsi il viso verso le prese e continuai. Salii fino in cima ma poi, quando stavo per toccare mi vennero un po' di visioni ottiche e quindi invece di toccare la catena toccai il pulsante che staccava la corda. I miei compagni e il maestro sapevano che avevo un problema che mi faceva vedere male. Quando mi risvegliai vidi tutte le facce dei miei amici più quelle delle altre persone. Ero in ospedale e mi ero rotta un braccio e qualche dente. Ma comunque ero felice di essere viva.

100 visualizzazioni

Qualcosa di noi

Dafne è un progetto di Sara, Marta, Margherita, Alma, Viola e Anna, che si impegnano ogni giorno per mandare avanti questo sito e la sua newsletter.

Leggi di più su di noi

Newsletter