top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreMarta

Uragania


Era mattina e mi catapultai giù dal letto: alla televisione dicevano che sarebbe stata una bella giornata, ma in realtà c'era un fortissimo vento. Sapevo che nonostante il tempaccio la mamma mi avrebbe comunque obbligata ad andare a scuola quindi mi lavai i denti e feci colazione in fretta. Talmente era freddo che mi dovetti vestire in modo assai abbondante, ma, si sa, dove vivo io non è mai abbastanza: due canottiere, due magliette a maniche corte, tre magliette a maniche lunghe, quattro felpe invernali, cinque cappotti anti vento, due paia di stivali anti pioggia, dieci cappelli anti burrasca... e molto altro. Finalmente ero pronta per andare a scuola. Arrivata a destinazione, notai che tutti erano vestiti come me e scoprii presto che durante la notte il tetto della scuola era crollato a causa della grandine e della pioggia e i docenti disperati com'erano, stavano cercando un'alternativa efficace. Ma i bambini, al contrario, ne erano felici perché volevano divertirsi anche con quella mitica nevicata. Pur di non dover studiare perciò, prima che qualcuno potesse fermarli, corsero come una massa di bisonti in cortile, e tra loro c'ero anch'io, che saltavo come una cavalletta. C'era chi si dileguava come un matto tra la neve, chi si distendeva per terra e si rotolava in modo scalmanato, chi giocava a Ce L'hai o a Nascondino, chi faceva pupazzi di neve... quel pomeriggio sicuramente tutti si divertirono come pazzi, ma… il risultato? L'intera scuola in ospedale con la febbre a 40. Grandine, uragani e burrasca continuarono per qualche giorno. I miei compagni avevano tanti fratelli malati come loro e non ci stavano tutti a casa. E, visto che la mia abitazione era molto grande, ospitai tutta la mia classe, eravamo malati, sì, ma facemmo un pigiama party pazzesco, tutti a casa avvolti nel sacco a pelo seduti davanti al fuoco che scoppiettava ci raccontavamo le storie più assurde e eccitanti, poi saltavamo sui letti come fossero trampolini, cucinavamo le tartine della nonna Gaia insieme al papà facendo un macello dappertutto e tante altre attività spassose!

Molte sono state le grandinate e le burrasche da allora, ma mai così divertenti! La mia città è ormai famosa, e la chiamano tutti “Uragania”.


79 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires

Les commentaires n'ont pas pu être chargés.
Il semble qu'un problème technique est survenu. Veuillez essayer de vous reconnecter ou d'actualiser la page.
bottom of page